Javascript e il DRAG and DROP: esistono aperture migliori di altre negli scacchi?

1 g2-g4 e javascript? Rappresentano una forma di reddito per me da anni!

Quando si fa un BUSINESS PLAN una delle voci critiche riguarda proprio la sostenibilità del progetto, ossia da che parte poi fisicamente l’idea è in grado di veicolare, intercettare, incanalare introiti. Forse per approfondire bene questa idea di SOSTENIBILITA’ bisogna fare una digressione in campi apparentemente slegati tra loro come un film cult con Tim Robbins e Morgan Freeman e ancora una volta nel gioco degli scacchi, così ricco di possibilità da abbeverare indifferentemente sia un moscerino che un elefante (aforisma del matematico Dedekind). Nelle ali della libertà, film stracult memorabile, indirizzo internet https://it.wikipedia.org/wiki/Le_ali_della_libert%C3%A0, tutti i reclusi compreso Andy Dufresne, alla domanda ma perché sei qui al gabbio, sono pronti all’ unisono a rispondere: io sono innocente, non ho mai commesso reati, sono qui per sbaglio. Per chi conosce gli scacchi agonistici giocati, le storielle sono simili, spesso scherzando qualche forte professionista dichiara sempre in epoche storiche differenti un pò per stare nella burla, un pò anche seriamente parafrasando i suoi colleghi: l’apertura inglese con 1 c4? Sono anni che ci dò da mangiare alla mia famiglia! Al di là degli aspetti pittoreschi degli scacchi, la programmazione ha molte analogie con questa disciplina che è arte sport e scienza insieme, perché non si finisce mai di imparare. Prendiamo ad esempio l’esercitazione DRAG and DROP del trascina e rilascia all’ indirizzo https://www.umbriaway.eu/2020/05/23/una-giornata-tipo-di-ken-shiro-salvare-il-mondo-con-javascript-e-il-drag-and-drop/ e anche la sua evoluzione https://www.farwebdesign.com/projectcsshtmljs/. Questi esempi sono basati su JQuery e anche sulla libreria sintetiza JQuery UI. Adesso vediamo lo stesso trascinamento facendo un uso coercitivo con javascript all’ indirizzo: https://www.farwebdesign.com/projectbasmandilandia/ ; questo esempio riprende un pò i temi dell’ incipit letterario e cerca di tradurre nella pratica sempre scherzando il sentimento comune di coloro che dichiarano: quell’ apertura del gioco degli scacchi? Mi consente ancora oggi di sfamare la mia famiglia! Allora una apertura minore e trasgressiva come 1 g4 ha meno redditività in termini di gioco posizionale rispetto alla fortissima 1 c4 giocata da tutti i più forti GM attuali? Perchè tranne il Basman degli anni ottanta questa 1 g4 non la gioca nessuno, allora non ci puoi sfamare la famiglia con questa mossa? Per tradurre nella pratica di un linguaggio di programmazione la verifica pratica sul campo abbiamo usato il seguente script in mezzo all’ HTML statico proprio all’ indirizzo menzionato sopra https://www.farwebdesign.com/projectbasmandilandia/ :

<script>

totale=document.querySelector(“#totale”);
salvadanaio=document.querySelector(“#salvadanaio”);
var totale_valore=0;

function inizioDrag(e, valore)
{
e.dataTransfer.setData(“text”, valore);
}

salvadanaio.ondragover=function(e)
{
e.preventDefault();
}

salvadanaio.ondrop=function(e)
{
e.preventDefault();
let data=e.dataTransfer.getData(“text”);
totale_valore+=parseInt(data);
totale.innerText=”Totale: “+totale_valore+” euro”;
}

</script>

Perché le funzioni scritte bene funzionano?!

Che cosa fa questa terrificante funzione e perché funziona? Intanto utilizza sempre la singolarità degli elementi che avranno sempre un aspetto identificativo per marcare le zone di interesse (il famoso ID) e agganciare gli EVENTI. Le funzioni sono ben tre e gestiscono 3 situazioni tipiche dell’ afferra e rilascia, ossia un momento dove il trascinamento inizia, un momento dove il trascinamento continua sospeso e il terzo quando l’oggetto viene rilasciato sopra l’area di interesse. Quello che di fatto succede rilasciando il diagramma con 1 g4 é che il salvadanaio contabilizza questo impianto di gioco con ben due euro, una cifra raddoppiata rispetto a 1 c4! Ovviamente nella realtà sarebbe il contrario, perché sappiamo che l’apertura inglese è un sistema solido e privo di debolezze che cerca subito il controllo del centro, ma qui conta l’analisi dell’ aspetto tecnico sulla parte interattiva dell’utente. Rispetto agli esercizi menzionati sopra costruiti con JQuery (un altra analogia con l’agonismo scacchistico é che la programmazione ha bisogno di continuo esercizio per non perdere mai l’allenamento e per migliorare le proprie abilità) qui salta subito all’ occhio la prolissità se vogliamo anche contorta di JS che non obbedisce certo alla massima principe dello scrivere meno e fare di più (write less,do more, claim principe di JQ!). Viene inizializzata una variabile per il conteggio a zero (var totale_valore) e poi viene impostata una funzione con la coppia chiave/valore come parametri che dal momento iniziale trasferisce il valore dell’ oggetto afferrato fino a destinazione, cioé e.dataTransfer.setData(“text”, valore); compare anche il famoso e.preventDefault(); che di fatto resetta tutti i comportamenti precedenti quando gli eventi di trascinamento si moltiplicano, questo al fine di consentire una somma continua dei nuovi valori che arriveranno al salvadanaio incessantemente, come riscontrato appunto da https://www.farwebdesign.com/projectbasmandilandia/ . Questo articolo non poteva che finire menzionando il padre delle aperture minori che certamente non verrà ricordato come uno dei migliori dieci giocatori del mondo dalla notte dei tempi, ossia Michael Basman, il padre di 1 g4 con tanto di altare e religione a supporto, indirizzo https://en.wikipedia.org/wiki/Michael_Basman, che nella sua carriera con aperture assolutamente insignificanti e di pessima fama che perdono tempi e indeboliscono la posizione, ha ottenuto scalpi eccellenti contro fortissimi giocatori. DI sicuro lui è uno dei pochi che interrogato sulla bontà delle sue creazioni in apertura non esisterebbe a rispondere alle nostre provocazioni: 1 g4? Sono anni che ci mantengo anche i nipoti!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
close-alt close collapse comment ellipsis expand gallery heart lock menu next pinned previous reply search share star