Figure professionali per il DEVELOPER PLATFORM usando il framework ASP NET: parte 2, entrare nel vivo con i comandi dotnet da finestra terminale e usifruire di pacchetti aggiuntivi con NuGet

web developer umbria A questo punto dopo aver visto https://umbriawayamplifica.wordpress.com/2020/09/03/figure-professionali-per-il-developer-platform-usando-il-framework-asp-net-parte-1-come-iniziare/ approfondiamo i comandi dalla riga di comando. L’uso della riga di comando rispetto alla GUI (interfaccia grafica) consente un controllo molto preciso e dopo un pò il web developer si sentirà fidelizzato e invogliato a usare solo la finestra terminale. I comandi hanno il vantaggio della versatilità, quindi approfondiamo il comando dotnet. Vediamo le 4 operazioni essenziali per lo sviluppatore principiante e cioé l’opzione — help per usare le guide anche dopo i comandi che saranno spiegati più esaurientemente. La scelta della versione .NET Core SDK, referenziare un pacchetto esterno NuGet e accettare il certificato SSL di sviluppo. La guida ci toglie di inpiccio se non ci ricordiamo come funziona un comando. Digitando –help al livello più alto otterrò una lista di comandi con la relativa descrizione, ma digitando ad esempio dotnet new –help si attiverà una spiegazione contestuale al comando.dotnet new web è il nome del template e per portare l’analisi del livello a un livello ancora più profondo aggiungendo al comando –help magari ottengo una lista di opzioni legate al template e in questo modo posso arrivare a scandagliare tutta la lista dei comandi e delle opzioni racchiuse dentro un determinato comando esteso. Per selezionare una versione ASP NET SDK , con il –version vedo che cosa ho installato sulla macchina, quindi la versione. Digitando dotnet new globaljson posso creare un file di configurazione o di settaggio. Digitando type global.json vedrò che a quale versione punta l’applicativo. Cone notepad global.json posso cambiare quindi la versione editandola. Se volessi tornare alle mie impostazioni originarie mi bastera digitare il file con il comando del global.json e tornare al comando dotnet –version che aggiorna di nuovo il pacchetto sdk utilizzato eleminando la precedente implementazione. Il framework ASP NET lavora come un insieme di isole che formano un arcipelago, quindi andando su https://www.nuget.org/ io posso cercare e scaricare dei pacchetti da integrare nel mio progetto tipo allacciarmi a paypal o a un ente pubblico per usufruire di un set di funzionalità e servizi aggiuntivi e anche cercare qualcosa relativamente alla gestione della base dati, come il componente Microsoft.Data. SqLite per esempio. Come faccio a sapere se il pacchetto è compatibile con la mia applicazione e con quale SDK è stato compilato? Scorrendo la pagina in basso si possono visualizzare le dipendenze dove ad esempio leggiamo NETStandard 2.0 per esempio con una cronologia a seguire dell’ evoluzione storica del software. Un pacchetto che fa comparire in download la scritta preview è un accorgimento di Microsoft per suggerire agli utenti che hanno una anticpazione delle funzionalità sulle prossime versioni. Quindi digitando ad esempio un comando da finestra terminale tipo dotnet add package Microsoft.Data.SQLite all’ interno della mia finestra dove ho il progetto otterrò l’implementzione del pacchetto predisposto a supportare le mie future base dati. Infine sul certificato SSL abbiamo visto che quando digitiamo il comando dotnet run ci mettiamo in ascolto sulle porte indicate 5000 e 5001 e qui bisogna attivare il certificato HTTPS, quindi dire al sistema operativo che deve fidarsi del certificato indicato.web design umbriaQuindi il comando dotnet dev-certs https –trust ci verrà chiesto se vogliamo veramnente installare il certificato e quel punto il RUN riattiverà la nuova impostazione (dotnet run) e il browser ci farà vedere anche il certificato SSL. Ok abbiamo solo messo il dito su un labirinto di possibilità costituito dalla riga di comando ma quali sono gli strum enti che possono aitare durante la digitazione del codice? Visual Studio Code (editor molto leggero) e Visual Studio (ambiente molto completo ma limitato a Sistema Operativo Microsoft che lo sopporta). Esiste anche una IDE che è Visual Studio for Mac. Visual Studio ha un impatto a livello di risorse molto ridotto sui consumi perchè non parliamo di giga di software da installare ma di Mega, quindi di uno strumento agile, leggero e veloce. Visuals studio, l’elefante, si trova all’ indirizzo https://visualstudio.microsoft.com/it/ mentre la migliore opzione https://code.visualstudio.com/, che come abbiamo detto ha un impatto sul sistema molto ridotto in termini di sovraccarico. Ovviamente tra IDE e comandi da riga di comando c’è un parallelismo, tutto quello che puoi fare graficamente in stile windows su Visual Studio lo puoi fare con comandi specifici che iniziano con dotnet. L’interfaccia consente di gestire qualunque problematica in maniera modulare, aprire e chiudere finestre dedicate come DATI personalizzazione editor, strumenti di debugging , insomma un ambiente di sviluppo completo che risolve ogni situazione complessa e soprattutto un software dinamico in continua evoluzione. Le stesse considerazioni valgono per il MAC e la sua versione Visual Studio. Visual Studio Code non è un un ambiente di sviluppo integrato per cui non ci sono alcune finestre complesse a sostegno che devono supportare compiti specifici. Visual Studio Code è leggerissimo perchè implica come mattoni tecnologie base essenziali come JS , HTML5 e CSS, inoltre ci sono tantissimi tools da scaricare che risolvono i problemi alla Mr. Wolf! Tutte le strade portano a Roma, quindi ogni sviluppatore decide e sceglie la tecnologia migliore per le sue esigenze, certo é che Visual Studio Code ha una directory che pesa meno di duecento MB, quindi non parliamo di giga come per gli altri due competitors. Riassumendo con le info estrapolate da Umbriaway Consulting: per orientarsi con la riga di comando Il comando dotnet possiede molti sottocomandi e all’inizio è facile restare spaesati. Per aiutarci a muovere i primi passi, il comando dotnet è fornito di una guida integrata che è possibile richiamare in qualsiasi momento aggiungendo –help in coda al comando. La guida è sensibile al contesto, ecco alcuni esempi: dotnet –help visualizza tutti i sottocomandi disponibili; dotnet new –help visualizza tutti i template disponibili da cui creare una nuova applicazione; dotnet new web –help visualizza i parametri del template indicato (ad esempio, se usare o no un indirizzo HTTPS, se aggiungere la funzionalità di autenticazione, e così via). La guida è anche consultabile online, nel sito ufficiale della documentazione Microsoft, all’indirizzo https://docs.microsoft.com/en-us/dotnet/core/tools/ . Per scegliere una versione di .NET Core SDK tra quelle installate nel sistema coesistono “fianco a fianco”. Vuol dire che, in qualsiasi momento, possiamo decidere quale di esse usare per il progetto a cui stiamo lavorando. All’interno della directory principale del progetto, creiamo un file chiamato global.json e inseriamo al suo interno questo contenuto, personalizzando ovviamente la versione di .NET Core SDK che intendiamo usare.

{
“sdk”: {
“version”: “2.1.402”
}
}

Questo stesso file può essere creato velocemente eseguendo il comando: dotnet new globaljson. Se vogliamo verificare che l’impostazione abbia avuto effetto, visualizziamo la versione attualmente in uso con il comando: dotnet –version Scegliere uno strumento per scrivere il codice. Per sviluppare l’applicazione dobbiamo scegliere un editor o un ambiente di sviluppo che faccia al caso nostro. Dobbiamo solo scegliere quello che preferiamo. Ecco alcuni consigli per prendere una decisione: isual Studio, è ideale per chi ha già esperienza con il .NET Framework. È un ambiente di sviluppo completo che comprende anche degli strumenti di profiling per misurare i consumi di CPU e RAM dell’applicazione. La sua limitazione è che funziona solo su Windows; Visual Studio for Mac è per chi usa macOS e vuol costruire sia applicazioni ASP.NET Core che applicazioni mobile native con Xamarin. Nonostante porti il nome “Visual Studio”, non è completo come la sua controparte Windows; Visual Studio Code è un editor disponibile per tutte le piattaforme. È molto leggero e adatto per progetti realizzati con vari linguaggi e tecnologie. Per creare applicazioni ASP.NET Core dobbiamo installare l’estensione C# che aggiunge il supporto al linguaggio e fornisce vari ausili alla digitazione del codice. È ideale per chi è alla prima esperienza o per sviluppatori che desiderano avere flessibilità e lavorare a progetti diversi. A questo punto se qualcuno ci fa domande come “quando si installa una nuova versione di .NET Core SDK, cosa succede a una vecchia versione che era stata installata in precedenza?” o “il comando dotnet dispone di molti sottocomandi e di molte opzioni. Cosa si può fare per scoprire qual è la giusta sintassi da usare?” (–help inserito come opzione alla fine del comando, la risposta ormai è dentro di noi!) dovremmo saper rispondere senza grande ansie da prestazione. E a “qual è il modo più rapido per riutilizzare in un’applicazione ASP.NET Core una libreria che include la funzionalità di accesso a un database?” possiamo ricorrere a NuGget mentre per regolarizzare la corretta visibilità di una pagina SSL sul nostro browser posso dare il comando specifico visto sopra nel post nella sezione dedicata. Per finire ricordiamo che usando il set di oggetti presenti nel framework XAMARIN compatibile con ASP NET possiamo toglierci delle soddisfazioni di sviluppo con il linguaggio C# anche sul mondo MOBILE, in questo caso l’editor migliore da usare è quello di MAC OS che ha integrati gli strumenti a sostegno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
close-alt close collapse comment ellipsis expand gallery heart lock menu next pinned previous reply search share star